Festival

di letteratura di montagna, viaggio, avventura

 

A LetterAltura, con Ermanno Olmi, il tempo si è fermato

a cura di Luca Lorenzini

Venerdì, 26 Giugno 2009

A LetterAltura, con Ermanno Olmi, il tempo si è fermato "Ci sono luoghi in cui senti che potresti stare bene. Un giorno d'estate, io e Mario stavamo rientrando nella conca d'Asiago seguendo un sentiero che non avevamo mai percorso insieme. Era il crepuscolo e ad un certo punto mi fermai, presi un sasso e lo lanciai dicendo: Mario, se mai un giorno dovessi sposarmi e fare la casa della mia famiglia, la farò là, dove è caduto il sasso..... Verrò qui anche io, Ermanno, perchè in centro, ad Asiago, c'è già troppa confusione. E così fu".

Sono queste alcune delle parole, dei racconti, con cui il regista Ermanno Olmi ha trasformato un pomeriggio d'estate in una giornata dal sapore antico. Colloquiando con Irene Bignardi, Olmi ha riportato il numeroso pubblico di LetterAltura agli anni della guerra e della ricostruzione, ad un mondo che rinasceva dalle ceneri e sofferenze inflitte dai bombardamenti.

Il regista nativo di Bergamo ha rievocato il suo rapporto con Verbania, ed in particolare con Suna e il Monte Rosso ove visse alcuni anni della sua adolescenza, ospite della colonia Edison. "Sulle alture che circondano il lago vidi per la prima volta la neve della montagna, una coltre bianca che durava, si manteneva  e non veniva profanata dal calpestio cittadino. La neve è stata l'anello di congiunzione, il punto d'intesa tra me e Mario Rigoni Stern. Da qui la volontà di girare un film tratto dal romanzo Il sergente nella neve".

Il lungometraggio, è fatto nato, non venne mai alla luce, anche e soprattutto per motivi di natura politica: Ermanno Olmi racconta di non aver mai avuto tessere di partito ed a quei tempi, per girare un film in terra di Russia, occorreva essere garantiti dal partito comunista italiano, fatto che non si verificò. Anche nel racconto di questa intricata vicenda, che di fatto vanificò la volontà di Olmi e Stern di realizzare il film, il regista ricorre a frasi incisive, che trasmettono immagini nella mente di chi ascolta. Ricorda Olmi: " Io e Mario eravamo uomini liberi, facevamo due passi nel bosco e non frequentavamo le segreterie dei parititi".

La neve di Ermanno Olmi e la sua straordinaria capacità di narrare storie attraverso le immagini, hanno concluso la seconda giornata del Festival LetterAltura. Alle ore 21:00, presso l'auditorium del Chiostro, è stato proiettato "Il tempo si è fermato", primo lungometraggio del maestro.

 
Contatti Facebook Twitter YouTube
 

LetterAltura è patrocinata e sostenuta da
 

All rights reserved © 2007-2010 Associazione Culturale LetterAltura
Associazione con personalità giuridica privata - Determinazione Regione Piemonte n° 169 del 20/03/2013
Privacy | Disclaimer | P. IVA IT02052260037 | c/o Hotel Il Chiostro • via Fratelli Cervi, 14 • 28921 Verbania (VB) | tel. 0323 581233