Festival

di letteratura di montagna, viaggio, avventura

 

Un paese a sei corde - Ultimi appuntamenti

Lunedì, 13 Settembre 2010

Un paese a sei corde - Ultimi appuntamenti

Ultimi appuntamenti per la quinta edizione di Un paese a sei corde.

Sabato 18 settembre ore 21.00 a Pogno (NO) – Sala Polivalente ex-biblioteca

Concerto con Carlo Pestelli e Alex Gariazzo

'Un'ora d'aria' è titolo del nuovo disco di Pestelli, di cui Gariazzo ha curato gli arrangiamenti. Un lavoro intenso e coinvolgente, come il loro spettacolo.

Chitarrista e cantante autodidatta, Alex Gariazzo si perfeziona nella tecnica flatpicking con il chitarrista genovese Beppe Gambetta e frequenta seminari di jazz, blues e improvvisazione con i chitarristi Bill Frisell, Carl Verheyen e Scott Henderson. Dal 1995 è cantante e chitarrista della TREVES BLUES BAND, storico gruppo italiano guidato dal grande armonicista milanese Fabio Treves, con il quale ha all'attivo 5 cd (l'ultimo è "Live 2008" edito da Red & Black Records/Venus, 2008) e centinaia di concerti in Italia e all'estero, oltre a svariate partecipazioni radiofoniche e televisive (RAI, TELE +, Radio Capital). Conduce ogni mese in coppia con Treves la trasmissione "Database" sul canale satellitare ROCK TV. Con la TBB ha avuto l'opportunita' di condividere il palco con grandissimi nomi del blues mondiale come Buddy Guy, John Mayall, John Hammond, Blues Brothers Band, ZZ Top, Corey Harris, Canned Heat, Eric Bibb, Willie King e Jimmy Rogers oltre che di suonare con artisti come Linda Gail Lewis (sorella di Jerry Lee), Roy Rogers (chitarrista e produttore di John Lee Hooker), Chuck Leavell (pianista di Allman Brothers, Eric Clapton e attualmente membro stabile dei Rolling Stones), Guy Davis, Sugar Blue e in live session radiofoniche con Joe Bonamassa (Rock FM) e Alex Britti (Lifegate Radio). Ha inoltre collaborato o suonato in occasioni diverse con Lucio "violino" Fabbri, Mauro Pagani, Pierangelo Bertoli, Claudio Sanfilippo, Saturnino, Sergio Sgrilli, Claudio Bisio, Amici di Roland, Rocco Tanica (Elio e le storie Tese), Meg, Paolo Bonfanti, Wooper, Mel Gaynor (Simple Minds), Dolcenera, Paola Folli, Giorgio Conte, Omar Pedrini, Andrea Parodi, Dr. Livingstone, Joe Legwabe (Ladysmith Black Mambazo), Negrita, Number9, Quartetto Maurice, Lomè, Paco Deluz e con il proprio gruppo etnorock, i Balabiut, (da tempo non più in attività), ha vinto il concorso Rock Targato Italia nel 1997.Nel 2008 ha preso parte alle Hilfiger Sessions in cui ha partecipato come chitarrista, vocalist e direttore musicale per Casino Royale, Africa Unite, L'aura, Syria, Francesco Sarcina (Le Vibrazioni), Edoardo Bennato, Raizz, Velvet,Beatrice Antolini, Mao e Roy Paci. Si dedica alla realizzazione di colonne sonore, jingles pubblicitari, sonorizzazioni per installazioni artistiche, per il web e per il teatro. Tiene seminari sul blues e sul rapporto tra blues e popular music da solo o in compagnia di Fabio Treves. Collabora saltuariamente in veste di giornalista alla rivista JAM e con Ezio Guaitamacchi, Roberto Caselli e Antonio Lodetti è coautore del libro "I 100 dischi ideali per capire il blues" (Ed. Riuniti, 2001). E' anche editore e ha pubblicato libri dedicati al blues e all'arte moderna ("Matteo Guarnaccia Anthology").Insegna chitarra presso la scuola di musica "SONORIA" di Cossato (BI) ed è uno dei tre direttori artistici dell'Orchestra Provinciale Laboratorio Biellese, ensemble che fonde musica classica e moderna creato con il sostegno dell'Amministrazione Provinciale di Biella nel 2005.

Carlo Pestelli vive a Torino dove è nato nel 1973. Inizia giovanissimo col pianoforte, ma è con la chitarra che a quattordici anni scrive la sua prima canzone. Del 1996 la sua prima registrazione, Tarabas ieri sera, che conosce una buona diffusione nelle radio della sua città. Tenendo presente il percoso dei primi cantautori italiani tra cui Amodei (con cui suona in numerose occasioni dal 1994 al 2005 in Italia e all'estero), De Andrè, Guccini, Lolli, Ciampi, Buscaglione, fra gli altri, crea uno stile tutto suo fatto di ballate (r)esistenziali e canzoni ironiche che diventano le due facce di una stessa medaglia. Il suo disco d'esordio, del 2001, s'intitola Zeus ti vede, (www.vitaminic.it). Al lavoro collaborano vecchie conoscenze della scena musicale torinese, come Elvin Betti, il chitarrista Slep e Umberto Mari. La title track dell'album è un ritmato collage di frasi e slogan copiati dai muri di Torino, città protagonista anche di altri pezzi, come l'umoristica Filomena. Negli anni 2001 e 2002 è l'ideatore e il direttore artistico della rassegna "Chansonnier Torino". Nel 2006 Filippo Fonsatti, direttore artistico del Piccolo Regio, assieme a Ernesto Ferrero per la Fondazione del libro, gli chiedono di ideare cinque serate sulla storia italiana attraverso gli slogan. Ne nasce un fortunato ciclo di spettacoli a metà tra musica e teatro (con ospiti assai diversi: dal coro bajolese a Morgan, per fare solo due esempi). Nell'agosto del 2006 è stato invitato da Enrico De Angelis a suonare al festival nazionale Dallo sciamano allo showman tenutosi in Val Camonica.Nel 2007 musica alcune poesie dell'ultimo libro di Pier Mario Giovannone (L'infinità decrescente, ed. Nero su bianco, Cuneo, 2005) per uno spetaccolo ideato e realizzato con l'attrice Tatiana Lepore e l'organettista Filippo Gambetta. Nel maggio 2009 presenta in anteprima ufficiale al Folk Club di Torino, Un'ora d'aria (ed. block note), il suo nuovo disco a cui hanno collaborato Alex Gariazzo per gli arrangiamenti e alcuni jazzisti di grande rilievo come Gianni Coscia e Giorgio Li Calzi.

 

Domenica 19 settembre ore 21.00 a Pella – Frazione Alzo – (NO) – Chiesa di San Giovanni Battista

Comncerto con Reno Brandoni e Giorgio Cordini

Blues e musica d'autore possono coesistere? A sentire 'Anema & Corde', il loro ultimo Cd assieme, pare proprio di sì. E il riisultato è quanto mai appassionante.

Reno Brandoni ha iniziato la sua carriera chitarristica professionale nel 1979 e negli anni '80 ha collaborato e suonato con i più importanti chitarristi dell'epoca come Stefan Grossman, John Renbourn, Dave Van Ronk e Duck Baker. Ha collaborato con Andrea Carpi alle trascrizioni del manuale di "Chitarra Folk" ed ha pubblicato per Happy Grass i due volumi: "le Chitarra di Giovanni Unterberger in tablatura" e "Chitarristi Italiani, la loro musica le loro idee". Dopo alcuni anni di abbandono della attività musicale nel 2000 ha fondato il sito web Fingerpicking.net ritornando così alla musica ed alla attività concertistica, nella quale propone le sue numerose composizioni, vecchie e nuove, arricchite da classici del blues e da arrangiamenti personali . Ha pubblicato i cd Bluesando (1984), Zingarom (2005), Yelda (2006). In duo con Giorgio Cordini ha realizzato nel 2008 un cd dal titolo "Anema e Corde".

Veneziano, autodidatta, Giorgio Cordini si trasferisce a Brescia alla fine degli anni sessanta. In quel periodo incontra Mauro Pagani, e insieme a lui suona, quando la PFM ancora non esiste, in due formazioni denominate "JB Club" e "Forneria Marconi". Appassionato di blues, accompagna diversi musicisti americani di passaggio in Italia, tra cui Carey Bell, Otis Rush, Louisiana Red. Ha partecipato come chitarrista alla tournèe de "Le Nuvole" di Fabrizio De André ('91), alle successive teatrali, al tour del '97 "Anime salve" ed all'ultimo "Mi innamoravo di tutto" ('98). Ha collaborato inoltre con artisti italiani quali Irene Fargo, Cristiano De Andrè, Massimo Bubola, Nada, Oliviero Malaspina. E' chitarrista e cantante del trio di blues-rock Wha-Wha Band con il batterista Joe Damiani e Max Gabanizza al basso. Il sodalizio con Mauro Pagani, è proseguito con la tournée di "Passa la Bellezza" e successive. Ha curato con lui la produzione del primo disco di Lorenzo Riccardi, un cantautore di Pavia, dal titolo "Strade perse". Un altro album firmato da Giorgio Cordini come produttore artistico è "La strada del cielo" del trio veronese "Cattive Compagnie". Nel '95 ha registrato un compact disc suonato esclusivamente con chitarre acustiche, intitolato "Playing the Beatles" in duo con Andrea Braido. Nel '96 ha partecipato alla settima edizione del Premio Città di Recanati, nell'ambito di una rassegna dedicata alla chitarra, che ha visto salire sul palco dieci tra i migliori chitarristi italiani. Nel '99 ha suonato come supporter nel concerto che James Taylor ha tenuto in Piazza Duomo a Brescia. Il 12 marzo 2000 ha partecipato a Genova alla serata "FABER AMICO FRAGILE", accompagnando alla chitarra, tra gli altri, Luvi e Cristiano De Andrè, Vasco Rossi, Gino Paoli, Celentano, Ornella Vanoni e Zucchero. Nel 2000 ha realizzato il progetto "Chitarre d'Autore" con la collaborazione dell'attore Luca Quaia e del chitarrista Enrico Mantovani e con la supervisione e la regia di Luisa Moleri. Con questa formazione ha dato vita ad una serie di concerti teatrali in molte zone dell'Italia, e ha pubblicato un CD con lo stesso titolo. Da ottobre del 2001 ha fatto parte del gruppo di Massimo Ranieri con Mauro Di Domenico, Arnaldo Vacca, Nanni Civitenga, Ezio Zaccagnini, Stefano Caprioli, Vittorio Sonsini. Nello stesso periodo ha dato vita al nuovo CD "Disarmati" al quale hanno collaborato musicisti quali Mauro Pagani, Riccardo Tesi, Massimo Carrano, Eros Cristiani, Vittorio Sonsini, Franco Testa, il Quartetto Zelig, Michele Gazich, Mauro Di Domenico, Fabio Treves ed altri ancora... A partire dal novembre del 2002 ha creato un quartetto acustico formato da Eros Cristiani (fisarmonica e tastiere), Michele Gazich (violino e viola), Giuseppe Rotondi (percussioni), oltre che da lui stesso alla chitarra ed al bouzouki. Con questo gruppo e con il supporto e la regia di Luisa Moleri propone dal vivo uno spettacolo che si basa sui brani selezionati dal lavoro discografico e su una serie di sequenze fotografiche di guerra che vengono proiettate durante il concerto. Questo nuovo progetto è stato approvato da Emergency, cui viene devoluto un euro per ogni CD venduto. Nel 2003, all'uscita del cd "Domani" di Mauro Pagani, si è intensificata la collaborazione con il polistrumentista, per le presentazioni del nuovo lavoro discografico e nell'estate è iniziata la collaborazione con Roberto Vecchioni, per le registrazioni dell'album "Rotary Club on Malindi". Nello stesso anno ha suonato il bouzouki anche nell'ultimo cd di Massimo Bubola. I cd dei due cantautori sono usciti all'inizio del 2004. Sempre nel 2004 è uscita una raccolta di 36 chitarristi italiani in cui compare anche Giorgio con un nuovo brano strumentale che s'intitola "Penny". Inoltre la sua versione di "La ballata dell'eroe" è stata inserita nella raccolta "Mille papaveri rossi", dedicata a Fabrizio De André. Alla fine dell'anno è uscito "2004: Creuza de ma" di Mauro Pagani, cui ha partecipato Giorgio suonando chitarra, mandolino e bouzouki. Nel 2005 è proseguita la collaborazione con Mauro Pagani con cui ha suonato in una lunga tournèe che ha toccato tutta l'Italia ed anche Spagna, Macedonia e Tunisia. Nel 2006 Giorgio ha portato avanti il progetto della Piccola Orchestra Apocrifa un gruppo di 9 musicisti, alcuni di estrazione rock, altri di musica classica, per cui ha arrangiato La Buona Novella di Fabrizio De André, con la collaborazione di Stefano Zeni e Michele Gazich. Ha fondato anche il gruppo "Mille Anni Ancora" con Ellade Bandini, Mario Arcari ed altri. Nell'estate del 2006 ha prodotto il nuovo cd di Reno Brandoni "Yelda" e successivamente il cd "La Buona Novella" della Piccola Orchestra Apocrifa. In ottobre 2007 Giorgio ha aperto l'"Accademia di musica moderna, etnica e popolare" a Provaglio d'Iseo, dove abita. Nello stesso anno è iniziata una stretta collaborazione con Reno Brandoni con cui Giorgio ha costituito un duo (bouzouki-chitarra) che presenta un repertorio originale. E' del 2008 il loro cd Anema e Corde. In dicemnbre è uscito anche il cd Storia di un impiegato realizzato con il gruppo Mille Anni Ancora in cui suonano tra gli altri Mario Arcari e Ellade Bandini.

 

PER INFORMAZIONI
Ass.Cult. LA FINESTRA SUL LAGO 
Via al Porto 3 Fraz.Lagna 
28017 S.Maurizio d'Opaglio (NO) 
032296333 - 3474683319 - 3284732653 
lafinestrasullago@libero.it

 
Contatti Facebook Twitter YouTube
 

LetterAltura è patrocinata e sostenuta da
 

All rights reserved © 2007-2010 Associazione Culturale LetterAltura
Associazione con personalità giuridica privata - Determinazione Regione Piemonte n° 169 del 20/03/2013
Privacy | Disclaimer | P. IVA IT02052260037 | c/o Hotel Il Chiostro • via Fratelli Cervi, 14 • 28921 Verbania (VB) | tel. 0323 581233