Festival

di letteratura di montagna, viaggio, avventura

 

Operazione Mato Grosso; così si chiamava

Martedì, 29 Giugno 2010

Operazione Mato Grosso; così si chiamava

 Nome altisonante, da missione militare rapida e silenziosa; apriva immagini da film di spionaggio, traffici clandestini, droga. Dopo il nome tutto tornava a terra; restavano solo ragazzi, pochi dei quali superavano i trent’anni, a gestire lavori di volontariato per l’America Latina.

Io ci ero finita per conseguenza di solitudini accanite, per un’ adolescenza da contrastare con l’aggregazione a un gruppo, uno qualsiasi. Presi uno zaino e li seguii in altura. Una settimana di campo per far salire di qualche mattone le mura di un rifugio a 3200 m d’altezza. Cinque giri al giorno, dall’alpeggio al passo, con dieci kg a volta, caricati a sacchi sulle spalle per portare cemento alla betoniera. Eravamo muli umani, con fazzoletti a coprire i pensieri dal sole e lingue sciolte a zittire la fatica. La montagna fu scultore dei miei polpacci; tornai alla città con gambe di pietra, non più abituate al piano ma al puntare e spingersi avanti di quel poco, ma di un po’. La montagna restò a ricordarmi la discrezione che serve ad accedere al suo silenzio e lo fece con la pennellata rossa di bruciatura sul mio collo, piegato da un passo che procedeva quasi in inchino, a pagare con la salita il prezzo equo della bellezza. Il resto fu eco di marmotte e canti leggeri della discesa a dirigere il gruppo senza torce, con stelle troppo vicine per non far capolino prima del buio.

 
Contatti Facebook Twitter YouTube
 

LetterAltura è patrocinata e sostenuta da
 

All rights reserved © 2007-2010 Associazione Culturale LetterAltura
Associazione con personalità giuridica privata - Determinazione Regione Piemonte n° 169 del 20/03/2013
Privacy | Disclaimer | P. IVA IT02052260037 | c/o Hotel Il Chiostro • via Fratelli Cervi, 14 • 28921 Verbania (VB) | tel. 0323 581233